GTLD o CCTLD, questo è il dilemma!

0
177

Chiunque sia stato alle prese con la registrazione del dominio per la realizzazione del sito internet personale o della propria società si è posto almeno due domande: meglio registrare un .it (o altro tld nazionale) o .com (o altro tld generico)? La visibilità del sito web è influenzata dall’estensione del dominio?

Vediamo insieme alcuni punti fondamentali che vi aiuteranno a rispondere alle seguenti domande

Che cos’è un TLD?

Quanti tipi di TLD esistono?

La scelta del TLD influenza la visibilità del sito internet? E quale scegliere?

Quando scegliere un gTLD o un ccTLD?

Conclusioni


Cos’è un “TLD” o dominio di primo livello?

“TLD” è l’abbreviazione della parola inglese Top-Level Domain ed è l’ultima parte di un nome a dominio ovvero la parte più a destra che segue il “punto”. Ad esempio host.it è un dominio di secondo livello: il primo livello è “.it” e il secondo livello è “host“.

Quanti tipi di TLD esistono?

Attualmente sono stati classificati tre tipi differenti:

  • TLD nazionali (country code top-level domain o ccTLD): sono i domini riferiti a una nazione ad esempio per l’Italia è .it o .de per la Germania;
  • TLD generici (generic top-level domain o gtld): ad esempio .com, .org, .info, .biz ecc..
  • domini di primo livello infrastrutturali: a oggi “arpa” è l’unico esistente.

La visibilità del sito internet è influenzata dal TLD?

Su questo argomento Google ha epresso la sua opinione in maniera chiara e inconfutabile: la scelta del TLD non inficia, in termini di vantaggio, il posizionamento nelle pagine dei risultati di ricerca.

Pertanto, se per Google utilizzare un TLD piuttosto che un altro non porta alcun vantaggio a livello di posizionamento, la decisione spetta solo a noi!

Quando scegliere un gTLD o ccTLD?

La risposta dipende principalmente da tre criteri:

  • dal prodotto;
  • dalla strategia di marketing;
  • dal target di riferimento.

Il dominio di primo livello nazionale può essere una valida scelta se il destinatario del bene o della nostra opera si rivolge a un determinato Paese. Ad esempio: il dominio .it può aiutare a conquistare la fiducia dell’utente per il business sviluppato prevalentemente in Italia; proprio come la nostra società Host S.p.A. la quale si rivolge prevalentemente a un’utenza nazionale pur annoverando diversi clienti esteri (europei).

Il ccTLD (generico) richiama l’idea dell’internazionalità portando valore aggiunto a favore delle società che mirano alla globalizzazione del loro marchio, ad esempio i grandi brand della moda o dell’industria alimentare.

Conclusioni

La scelta del dominio internet è fondamentale per il futuro del nostro business, Host.it offre la possibilità di scegliere tra oltre 392 estensioni disponibili

Tuttavia, quanto qui sopra indicato sono da intendersi linee guida e spunti utili per scegliere l’estensione che meglio risponde al vostro business partendo dall’autorevole opinione di Google.

E se cambiassimo idea nel corso degli anni? Nel prossimo articolo vi parlerò della modifica del nome a dominio associato a uno spazio web, stay tuned!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome qui