Come migliorare la sicurezza di un sito WordPress

0
93

La sicurezza dei siti web è un argomento che spesso viene trascurato, ma oggi con siti web sempre più collegati alle attività produttive è ancora più importante proteggerli, proteggere i nostri dati, proteggere il nostro business, come? Scopriamolo insieme.

Tenere in sicurezza il nostro sito web è il compito più importante che abbiamo e non si può demandare a nessuno, neanche al proprio hosting provider.

Sì è vero che l’hosting fa la differenza sulla sicurezza, però i nostri comportamenti giornalieri possono fare ancora di più.

Ecco quindi 6 consigli utili per migliorare la sicurezza del proprio sito WordPress:

  1. Aggiornare in modo costante l’installazione di WordPress e dei Plugin. Un sito protetto è un sito sempre aggiornato, aggiornare continuamente la versione di WordPress e dei suoi plugin ci garantisce di non essere afflitti da vulnerabilità note che gli hacker possono sfruttare per danneggiare il nostro sito;
  2. Eseguire continui backup del proprio sito. I backup, questi sconosciuti, è sempre bene avere una copia di backup del proprio sito, per far fronte alle situazioni più disastrose;
  3. Proteggere l’accesso amministrativo. L’accesso amministrativo al sito è il cuore del sistema, va protetto come la cassaforte di una banca. Per farlo esistono vari sistemi e plugin;
  4. Proteggere il sito da attacchi brute force. Oggi molti attacchi sono invisibili, sono volti a tentare di forzare la password di accesso al back end con attacchi definiti brute force. Inserire password sicure e attivare plugin di sicurezza è fondamentale per garantire di non essere violati;
  5. Scansione continua anti virus e anti malware e protezione firewall. Come facciamo a sapere se il nostro computer è infetto? Lanciamo l’antivirus, la stessa cosa va fatta sui siti web, lanciare continue scansioni per essere sicuri di non essere infetti è fondamentale;
  6. Utilizzare Captcha per i form e SSL. Anche gli articoli su WordPress vanno protetti, sono spesso presi di mira da spammer, va quindi aggiunto un modulo cacptha per evitare di essere sommersi da commenti non desiderati.

Queste che vi ho elencato sono solo le 6 più importanti vie d’azione, sarebbe impossibile esploderle tutte in pochi minuti, vi lascio il link al corso WordPress dedicato alla sicurezza, realizzato appositamente all’interno della nostra Host Academy20 video lezioni che vi renderanno dei GURU sulla sicurezza per WordPress.

Siamo arrivati al termine di questa puntata dedicata alla sicureza di
WordPress, iscrivetevi al nostro canale e attivate la campanella per essere avvisati quando pubblicheremo un nuovo contenuto. Grazie e al prossimo video!

CONDIVIDI
Articolo precedenteMigliorare le performance di un sito web, serve veramente la CDN?
CEO - Host S.p.A. Cosa faccio nella vita?! Sono un hoster, un albergatore possiamo dire, ma su internet. Il mio lavoro è ospitare chiunque voglia fare un sito internet (personale, aziendale, etc…) sui miei server. La passione per l'informatica è diventata quindi il mio lavoro e ci ho fatto nascere la mia azienda, con tutti i suoi brand, nell'ordine: DNShosting.it, JoomlaHost.it e Colt.Academy. Nel 2017 tutto si è unificato sotto un unico ed evocativo brand HOST.IT con la sua HOST ACADEMY per la parte relativa ai corsi di formazione. Potete seguirmi su LinkedIn (https://www.linkedin.com/in/marcomangione/) e Twitter @MarcoMangione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome qui